Autore: wikituscia

Wiki Tuscia è un'enciclopedia online a contenuto libero dedicata alla Tuscia. Lanciata da Meconi Carletto il 29 Novembre 2019.

Lubriano

Il territorio venne abitato sin dalla Preistoria. Ne sono testimonianza alcuni ritrovamenti consistenti in utensili in selce, quali raschiatoi o punte lame o frecce. Inoltre, negli anni ’80 del secolo scorso, in Loc. Santo Stefano, venne individuato un piccolo villaggio dell’età del Bronzo, sorto su un percorso transumanza che dall’Appennino conduceva al mare Tirreno. Lubriano è stato un insediamento gente etrusca, la cui capitale era “Vulsinium” l’attuale Orvieto. A testimonianza del periodo etrusco, sono state rinvenute varie tombe con suppellettili funerarie databili al VI-VII sec. a.C.

Continua a leggere

Riccardo Sanna (Soriano nel Cimino)

Di origini sarde, nato a Soriano nel Cimino (VT) Riccardo Sanna  si è diplomato presso l’Istituto Statale d’Arte Terni sotto la guida dei prof. Capetti e Pantaleoni. Ha frequentato per un periodo i corsi liberi pittura all’Accademia “Lorenzo da Viterbo” e all’Accademia Sevres Parigi sotto la guida del prof. Christian Zeimert.

Continua a leggere

Faleria

Alcuni ritengono che il primo nucleo, costruito su un’altura ben difendibile, risalga al X-IX secolo a.C. e che solo successivamente si sia sviluppata l’area urbana che le fonti storiche ci descrivono.

Ebbe anticamente il nome di Stabla, poi Stabbia o Stabia ed infine Castrum Stabie. La denominazione attuale è in vigore almeno dal 1873; recentemente è stato proposto il ritorno al vecchio nome.

Continua a leggere

Montalto Castro

Per alcuni eruditi il castrum Montis Alti fu fondato nel V-VI secolo d.C. dai profughi della città costiera Gravisca, distrutta dai pirati. Altri raccontano che il castello fu fondato nell’VIII secolo da Desiderio, Re dei Longobardi. Entrambe le ipotesi non sono supportate da documenti. Montalto esce dalla leggenda ed entra nella storia solo nell’852 d.C.: in una bolla di papa Leone IV diretta al vescovo di Tuscania, compare, per la prima volta, il nome Montis Alti.

Continua a leggere

Chiarone

Il fiume Chiarone è un breve corso d’acqua italiano , lungo solo circa 20 chilometri, Il fiume, a prevalente carattere torrentizio, scorre verso sud e, dalla metà del suo percorso in poi, segna il confine tra la Toscana e il Lazio fino alla sua foce nel Mar Tirreno. Lungo il suo tratto attraversa parte del territorio comunale di Capalbio, prima iniziare a separarlo amministrativamente da quello di Montalto Castro.

Continua a leggere

 Arturo GERVASI (Vignanello)

Siamo nel 1900, Arturo inizia il suo curriculum scolastico in un Convitto Militare seguito, l’anno successivo, dal fratello. Purtroppo la sua fanciullezza è segnata da un lutto atroce: nel 1905 perde suo padre Gaetano, benestante e stimato Ufficiale Sanitario in Vignanello.
La morte del padre crea, in famiglia, gravi problemi economici: non esistono altre fonti sostentamento ed il periodo storico è un periodo recessione.
Convinto trovare fortuna lontano dal paese, chiede ed ottiene ospitalità da parenti stabilitisi a New York; nel 1907, all’età 17 anni, realizza il suo sogno: lasciare l’Italia ed emigrare in America.

Continua a leggere

Celleno

Un dato sulle origini questo antico insediamento ci viene dato da Dioniso d’Alicarnasso. Nei suoi scritti Dioniso sostiene che la città fu fondata da Italo in memoria sua figlia Cilenia molti anni prima della fondazione Roma. Certo, non è un dato da prendere alla lettera ma possiamo benissimo supporre la presenza un primitivo nucleo nel territorio cellenese prima dell’avvento Roma.

Continua a leggere